VERONA, Juric: “Serve chiarezza da parte della società. Pensavo che potessimo competere per l’Europa”


Ivan Juric, tecnico del Verona, ha parlato in conferenza stampa. Questa la parte riguardante il suo futuro:

Lei e Setti avete avuto un chiarimento? “Devo ancora parlare col presidente; è giusto trovarci per vedere cosa fare, e su che programma lavorare. Riguardo alle mie ultime dichiarazioni sono rimasto così: Io, come l’anno scorso, voglio parlare con la società e in questo momento non l’abbiamo ancora fatto. È passato molto tempo, e il tempo per parlare di questi argomenti c’era. Quella sera eravamo a cena (a Cagliari, ndr) e abbiamo parlato di tutto tranne che di pianificazione”.

Cosa la convincerebbe a restare? “Non sono io quello che deve parlare, dovrebbe esserlo l’altra parte. Il primo anno era ‘non abbiamo possibilità, non possiamo comprare nessuno a parte Rrahmani’: ci siamo messi a lavorare con grande chiarezza, l’importante è essere chiari. Io alleno, poi posso dare dei consigli, ma le idee non partono da me. Io poi mi sono creato il film: che con il lavoro, con i miglioramenti, potessimo raggiungere questo grande sogno, che è l’Europa. Oggi è l’anniversario dello Scudetto, il mio sogno era portare l’Hellas in Europa. Sono in grande difficoltà sulle domande sul futuro”.

Invia il tuo commento