TORNA ALLA PAGINA PRECEDENTE


SERIE A, Gli acquisti più costosi dell’estate: Chiesa sul podio

Un mercato che da più parti e da più protagonisti è stato definito come povero e senza spese particolari, quello che si è appena concluso. Ma al netto delle difficoltà di molte società nel reperire liquidità e grazie alle fantasiose formule con prestiti pluriennali e diritti/obblighi di riscatto, in Serie A ci sono stati almeno 10 colpi che hanno superato (o che potranno superare nel prossimo futuro) i 20 milioni di spesa.

1 – Arthur alla Juventus
Operazione direttamente collegata allo scambio con Pjanic, il brasiliano arriva a Torino per una cifra extralarge: per il suo cartellino, detto del percorso inverso e contestuale del bosniaco, la Juventus ha messo a bilancio una spesa di 72 milioni più 10 di bonus. Il totale potrebbe raggiungere gli 82 milioni di euro.

2 – Osimhen al Napoli
Il colpo più costoso della storia del Napoli. L’attaccante arrivato dal Lille pesa sul bilancio azzurro per 50 milioni di euro più 10 eventuali di bonus. A questi, vanno aggiunti i giocatori entrati nella trattativa e che hanno fatto il percorso inverso per una valutazione complessiva di 20 milioni di euro. Il totale, considerando quanto detto, potrebbe arrivare a 80 milioni di euro.

3 – Chiesa alla Juventus
Dopo mesi e mesi di trattativa, i bianconeri sono riusciti a chiudere l’operazione con la Fiorentina scontando qualcosa rispetto all’iniziale richiesta da 70 milioni. La formula è complessa: prestito biennale oneroso, 3 milioni il primo anno e 7 il secondo. A determinate condizioni scatterà l’obbligo di riscatto per 40 ulteriori milioni, ai quali potrebbero aggiungersi anche 10 di bonus. Il totale potrebbe raggiungere i 60 milioni di euro.

4 – Morata alla Juventus
Il ritorno di Alvaro a Torino. Fra Dzeko e Suarez, alla fine l’ha spuntata lo spagnolo. Le condizioni offerte dall’Atletico sono state favorevoli, visto che di fatto si tratta di un prestito biennale. Anche se i costi finali potrebbero essere alti: prestito oneroso da 10 milioni, riscatto fissato a 45. Il totale potrebbe raggiungere i 55 milioni di euro.

5 – Hakimi all’Inter
Si è mossa con largo anticipo l’Inter, per battere la concorrenza europea. Acquistato a titolo definitivo dal Real Madrid, l’esterno marocchino è stato pagato 40 milioni di euro più 5 di bonus. Il totale potrebbe raggiungere i 45 milioni di euro.

6 – Tonali al Milan
Formalmente, l’operazione conclusa dal Milan col Brescia è un prestito oneroso da 10 milioni di euro con riscatto fissato per ulteriori 15 milioni. A questa cifra, potrebbero aggiungersi ulteriori 10 di bonus. Il totale potrebbe raggiungere i 35 milioni di euro.

7 – McKennie alla Juventus
I bianconeri hanno chiuso per l’americano dello Schalke con la solita formula del prestito con riscatto. 4,5 i milioni che sono stati versati subito nelle casse dei tedeschi, 18,5 quelli che serviranno per il riscatto a fine anno. Ai quali potrebbero aggiungersene ulteriori 7 in bonus. Il totale potrebbe raggiungere i 30 milioni di euro.

8 – Smalling alla Roma
Una delle trattative più complesse dell’estate. Lo United non si è mai smosso dalla valutazione di 20 milioni di euro e alla fine quello potrebbe incassare. La Roma per prendere il difensore a titolo definitivo ha messo sul piatto 15 milioni più 5 di bonus. Il totale potrebbe raggiungere i 20 milioni di euro.

9 – Muriqi alla Lazio
La Lazio per regalare l’attaccante a Simone Inzaghi è dovuta andare incontro alle richieste ferme del Fenerbahce. 18 i milioni di parte fissa messi sul piatto, 2 quelli di bonus. Il totale potrebbe raggiungere i 20 milioni di euro.

10 – Pinamonti all’Inter
Formalmente è un prestito con obbligo di riscatto. 8 i milioni che l’Inter ha girato subito al Genoa, col riscatto futuro fissato a 12 milioni. Il totale potrebbe raggiungere i 20 milioni di euro.

Invia il tuo commento