SARRI, Virgili: “Sarri alla Fiorentina? Porterebbe grande entusiasmo a Firenze, ma ne so quanto voi…”

È intervenuto ai microfoni di Lady Radio Aurelio Virgili, storico amico del tecnico toscano Maurizio Sarri. Tra le varie tematiche toccate, Virgili ha commentato le voci di questa mattinata riportanti un ipotetico incontro avvenuto tra l’ex Juventus e la dirigenza gigliata:

Voci di Sarri vicino alla Fiorentina? Stamattina tra amici e giornalisti sono stato inondato di chiamate. Ho già risposto a qualcuno che potreste voi dare la notizia a me, perché ne so quanto voi. Ho una grande amicizia con lui, ma non ci chiediamo spasmodicamente cosa farà nella sua vita. Per rapporti personali lo incontrerò tra qualche settimana, ma non so se mi dirà qualcosa. Al di là di smentite, credo sia normalissimo che ci siano trattative e, da tifoso della Fiorentina, me lo auguro. Se portassero avanti questo discorso, fattibile ma non facile, penso potrebbe veramente essere una grande ripartenza per la nostra amata squadra viola. Situazione attuale della Fiorentina? È ovvio che la proprietà deve dimostrare qualcosa perché il popolo fiorentino è caldo ed appassionato, e basta pochissimo per dimenticare tutto quello che è accaduto di negativo. Non si può, d’altronde, partire con un colpo ad effetto, ma dalle basi: ovvero l’allenatore ed il direttore sportivo. Il fatto di pensare ad un allenatore blasonato come Sarri… Maurizio è in una situazione particolare. Dal punto di vista anagrafico è arrivato tardi sul grosso palcoscenico. Non ne fa mai una questione economica, ma credo sia normale che non voglia scendere da quel livello toccato. Dove è andato ha fatto molto bene. Anche in questo momento mi sta chiamando mentre parlo con voi, ma sono chiamate dettate dalla grandissima amicizia che abbiamo. Io ne sarei comunque felice e credo porterebbe un’ondata di entusiasmo incredibile ed un cambiamento radicale. L’unica condizione che metterebbe oggi Maurizio sarebbe quella di essere coinvolto in toto nel progetto squadra e calciatori. Se può fare un’operazione del genere la Fiorentina? Non ho il piacere di conoscere personalmente il presidente, quindi non posso dire nulla. Ma una strada credo ci sia. Fossi il presidente ti direi che all’80% lo porterei a Firenze. Se ci sono persone intelligenti e disponibili che restano nel loro ruolo, va bene. Maurizio oggi credo meriti una considerazione ulteriore. Quando andò al Napoli non chiese nulla, confidando solo nelle proprie capacità. Ma dopo che aveva quasi vinto lì uno scudetto, ha vinto un Europa League al Chelsea ed uno scudetto alla Juventus, credo abbia il diritto di essere ascoltato. Credo sia fondamentale. Quindi se dovesse esserci stata un trattativa, non so nulla di questa cena ipotetica, ma se dovesse esserci stata credo che i colloqui abbiano previsto progetti a lungo termine, nei minimi dettagli. Se riaprono gli stadi, prevedo nel caso un innalzamento di abbonamenti al Franchi. L’augurio è festeggiare insieme questa notizia, se ci sarà.”

Invia il tuo commento