Home / Editoriale / RIBERY! FIRENZE, ORA PUOI SOGNARE

RIBERY! FIRENZE, ORA PUOI SOGNARE

Firenze, 21 agosto 2019. Caldo, tanto caldo. In una città illuminata dal sole cocente prende vita una nuova stella. Sembra l’inferno, invece è solo il paradiso. Alle 11 circa a Peretola sbarca Franck Ribery, non un giocatore qualunque. Uno che ha vinto come poche e che sa ancora fare la differenza, e allora succede che quando le porte degli arrivi dell’aeroporto Vespucci si aprono Firenze non ci capisce più niente, i tifosi giunti ad accogliere il loro nuovo idolo riscaldano ulteriormente una città già in fermento. Urla, cori, sciarpe lanciate ed entusiasmo che sembra ricollegarsi a quello emanato proprio quando dal Bayern arrivò in Viola un certo Mario Gomez. Ma questa è un’altra storia, il primo acquisto di lusso sotto la nuova gestione Commisso. Un personaggio e calciatore di spicco, dimostra subito di sentirsi nelle sue acque in mezzo ad entusiasmo di ogni tipo, Franck sa stare al gioco sorridendo e regalando foto a tutti. C’è stato tempo un po’ per tutto, anche per qualche battuta quando l’arrivo dell’ormai ex Bayern ritardava di qualche minuto, c’è chi con la mente tornava indietro alla surreale trattativa Berbatov di qualche anno fa. Oggi è stata una giornata speciale per i tifosi fiorentini in particolare, ma se vogliamo per tutti i supporters italiani in generale. Perché la Serie A torna a fare la voce grossa con un nuovo campione pronto a calpestare i nostri campi.

Dopo l’arrivo con il suo volo privato, per Ribery accompagnato da due entusiasti Antognoni e Dainelli è tempo di una breve visita a Piazzale Michelangelo, poi il momento di mettere nero su bianco. Anzi, diciamo viola su viola, qualcuno potrebbe storcere il naso. Dopo un pranzo al volo si passa alle visite mediche dal dott.Fanfani, più o meno tre le ore che vedono rinchiuso “Il fenomeno” (come già ribattezzato dai tifosi gigliati) negli studi medici prima di riassaggiare un po’di entusiasmo di chi non vede l’ora di vederlo indossare la sua maglia numero 7. Come se non bastasse, dopo la perfetta conclusione delle visite, il campione francese ha trovato anche il tempo per una seduta di allenamento divisa tra palestra e un po’ di campo. Adesso c’è chi aspetta un nuovo colpo (Berardi o Suso?), ma questa è un’altra storia. Adesso è il momento della favola Ribery.

 

 

di Vincenzo Pennisi

Leggi Anche

SERIE A, La classifica aggiornata in attesa dei posticipi serali

Ecco la classifica di Serie A aggiornata dopo il pomeriggio di partite ed in attesa …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *