POST PARTITA, Conte: “Qualificazione meritata che poteva arrivare al 90esimo”

Dopo il 2-1 ottenuto al Franchi contro la Fiorentina nella gara valida per gli ottavi di Coppa Italia, valsa alla squadra di Antonio Conte la qualificazione ai quarti dove affronterà il Milan di Stefano Pioli, il tecnico della Beneamata analizza il match a Inter Tv: “Qualificazione meritata che poteva anche arrivare al 90esimo perché abbiamo comunque avuto occasioni importanti. Però va bene così, i ragazzi sono stati bravi, hanno giocato 120 minuti con buon ritmo, intensità e organizzazione. Sono soddisfatto. Sono contento anche per quei calciatori come Kolarov che ha avuto il Covid e non faceva una partita dall’inizio da tanto o per lo stesso Ranocchia. Hanno risposto bene a testimonianza del fatto che sono ragazzi seri che tengono all’Inter, si allenano bene e sono contento di allenare”. 

Aveva preannunciato un turnover, che risposte ha avuto?
“Sicuramente positive. Come ho detto in conferenza ierii, oggi è scesa in campo la migliore Inter in base a delle scelte che derivavano da infermeria e forze fisiche. De Vrij, Barella, Brozovic venivano da un tour de force importante, Romelu sta cercando di smaltire un problemino, aveva lavorato a parte negli ultimi giorni, Hakimi ieri aveva 38 di febbre… Abbiamo assemblato una formazione importante per passare il turno. Abbiamo avuto una risposta positiva da parte di tutti. Sono contento perché è gruppo di ragazzi che è coinvolto nella sua totalità con un unico obiettivo che è quello di fare sempre meglio”.

Centoventi minuti di gara, dispendio di energie non ideale in vista della Juve?
“C’è un aspetto positivo, il fatto di passare il turno su un campo difficile come quello di Firenze. Quando vinci è energia allo stato pure che ti ricarica. Questi ragazzi nelle ultime undici partite di campionato ne hanno vinte 8, pareggiato in casa della Roma e perso con la Samp. Spesso si rischia di bruciare energie nervose perché tante volte quello che fai non basta mai. Era importante qualificarci e questa è energia allo stato puro. La partita è una partita che dà stimoli, misura le nostre ambizioni e adesso recuperiamo e cerchiamo di prepararla al meglio”.

2 commenti

  1. Quando lo chiami antipatico gli fai un complimento …grosso.Tranquillo caro Conte ,ti ricordiamo sempre per il gatto che hai in testa……

Invia il tuo commento