PAGELLE F1: Viola, “fatte curaggio”!

Viola di vergona: al Diego Armando Maradona la Fiorentina sprofonda. Disastro difensivo e inconsistenza totale negli altri reparti. I giudizi di FiorentinaUno sul 6-0 di oggi.

Dragowski 5. Nemmeno il tempo di prendere possesso dei pali ed è subito svantaggio, preludio nefasto alla grandinata di oggi. Tiro al piccione.

Milenkovic 4. Oggi ha commesso degli errori che non si dovrebbero vedere nemmeno tra i Pulcini. Irriconoscibile.

Pezzella 4. Molto negativa la sua prestazione: il reparto fa acqua da tutte le parti e lui non è in grado di guidarlo. Il pluriennale periodo di decrescita continua.

Igor 4. Sulla parte sinistra si dormono sonni profondi. Zzz…

Venuti 5. Prendiamo il buono: il dialogo tra esterni, tra lui e Biraghi, mancava da tempo immemore. Il meno peggio (si fa per dire)…

Amrabat 4. ???

Castrovilli 4. Dopo un avvio non male perde una palla sanguinosa da cui purtroppo nasce il vantaggio del Napoli. Colpevole anche nella seconda rete del Napoli. Fuscello. Sost. da Pulgar SV.

Biraghi 5. In fase difensiva un disastro, in attacco pericolosissimo. Al 23′ coglie una traversa rocambolesca, poco dopo sfiora la rete. Giano bifronte.

Callejon 5. Prima volta da ex a Napoli… dove non lo rimpiangono… Sost. da Bonaventura SV.

Ribery 4,5. Sul suo destro ha l’occasione del pareggio ma Ospina disinnesca. Poco altro a seguire. Avrebbe dovuto dare molto di più in una partita come questa. Sost. da Kouamé 5. Facciamo finta di essere rimasti al gol con l’Inter che è meglio…

Vlahovic 4. Troppo in ombra quest’oggi rispetto al recente periodo di crescita. Missing.

Prandelli 4,5. L’inizio è da palpitazioni con lo svantaggio ma dopo il 20′ è un’altra Fiorentina e sfiora il pareggio. Purtroppo gol sbagliato, gol subito: il Napoli raddoppia e stronca gli entusiasmi viola. La partita finisce lì. Il punteggio tennistico deve servire da lezione. Riprendendo il titolo della canzone di Gianluca Capozzi: “Fatte curaggio!”

1 commento

  1. Non si può pretendere di fare la partita contro il Napoli con presunzione e arroganza. Il Napoli lo annienti solo se sei ben coperto indietro e fai una buona gara difensiva, altrimenti vieni trovato. Mi dispiace che Prandelli non lo sapeva. Giusta e meritata lezione.

Invia il tuo commento