Home / Editoriale / L’anno che verrà
Conferenza stampa di presentazione di Beppe Iachini

L’anno che verrà

Si conclude uno degli anni peggiori per la Fiorentina. Pochissimi sorrisi per i tifosi viola, una media punti da retrocessione, due cambi di allenatore. Adesso c’è Beppe Iachini che sta subito trasformando la squadra.

Una pessima annata. Il 2019 è stato uno degli anni peggiori della storia recente della Fiorentina. La squadra che, da potenziale pretendente per l’Europa, si accartoccia un pareggio dopo l’altro. Stefano Pioli non riesce a trovare una cura. Pochi punti, si aprono le prime crepe e di comunicato in comunicato si consuma lo strappo. Una stagione ricominciata con i migliori auspici, sulle ali dell’entusiasmo di Rocco Commisso si è tramutata in un nuovo incubo. Vincenzo Montella era stato, non senza dubbi dopo il finale della stagione passata, confermato sulla panchina ma i risultati non sono arrivati e soprattutto il gioco. Squadra senza identità, senza nerbo. E alla fine è stato esonero. Un anno iniziato male e proseguito peggio. Pochissime vittorie, media punti da retrocessione, due cambi sulla panchina, obiettivi abortiti.

Adesso c’è Beppe Iachini. L’allenatore con il cappellino ha subito voluto marcare la discontinuità rispetto alla gestione precedente. Come? Con il lavoro sodo. “Lavoro, lavoro, lavoro” come ha scandito il Sergente Iachini nella conferenza stampa di presentazione. Domenica due ore e mezza, ieri doppia seduta, il 1 gennaio ancora doppio allenamento. Un vero e proprio cambio di marcia. Serve una squadra compatta, con i reparti corti, coesa e di gamba.

Print Friendly, PDF & Email

Leggi Anche

FALCAO, “Non capisco perchè Gerson non abbia sfondato in Italia”

Paulo Roberto Falcao, storico attaccante della Roma, in una intervista concessa a La Gazzetta dello …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *