La pazienza è la virtù dei forti


Barone predica pazienza, e questa sarà la parola che accompagnerà la sessione estiva di calciomercato. Del resto gli obiettivi sembrano essere 4, uno per reparto, forse 2 per il ruolo di esterno d’attacco, e di profili da valutare ce ne sono eccome. Magari l’Europeo darà ulteriori spunti, anche se i prezzi lieviteranno sicuramente. La parola pazienza dovrà accompagnare anche la stagione che verrà, la prima di Gattuso sulla panchina della Fiorentina, e la prima con una vera programmazione da parte della società. Servirà tempo per capire le molteplici situazioni: dalla società, dove sembra essere all’ultimo dettaglio la trattativa per Nicolas Burdisso, mentre Dainelli sembra sulla via dell’addio, dopo il rifiuto per allenare l’Under15. Il pacchetto giocatori alla fine non verrà rivoluzionato come da tanti auspicato: il perché è presto detto, sarà un mercato difficile, con società con pochi denari da spendere e le richieste difficilmente compatibili. Ci sarà da capire il futuro di Milenkovic, di Pezzella, di un centrocampo folto ma necessariamente da sistemare, e dell’attacco dove sembra tutt’altro che vicino il rinnovo di Ribery dopo le lacrime versate prima di ripartire alla volta di Monaco.

Intanto è iniziato l’Europeo, e una gioia arriva dall’Italia. 3-0 netto alla Turchia, e primi tre punti in cassaforte. Poco importa se Castrovilli era in tribuna, anche Firenze ha guardato e sostenuto l’Italia, anche se sempre con un occhio alle trattative di mercato. Pazienza se servirà tempo.

Invia il tuo commento