Home / Editoriale / In un’altra dimensione

In un’altra dimensione

A causa di un ciclo estremamente negativo la Fiorentina da aspirante ad un posto in Europa si trova impantanata nella zona rossa. Non ancora salva.

Nove squadre in 8 punti. Dal Cagliari a 40 punti, pari con la Fiorentina, fino all’Empoli a 32 con un piede in B. La quota salvezza è 41 punti.

Proprio l’Empoli, grazie ai tre punti ottenuti con la Fiorentina, è riuscito a tener viva la speranza. L’Udinese due punti sopra. A meno di particolari, ma non imprevedibili scossoni, a retrocedere sarà una delle due. Si preannuncia quindi uno scontro serrato tra gli azzurri e i bianconeri. Le prossime tre saranno finali per i ragazzi di Tudor: Frosinone, SPAL e Cagliari. Samp, Toro e Inter i prossimi avversari degli azzurri.

Questa è diventata la cruda realtà della Fiorentina. Risucchiata sempre più in basso. Nella zona rossa. In una dimensione alla quale, rispetto alle altre nuove concorrenti, non era preparata e che rischia di ripercuotersi su tutto l’ambiente. Giocatori per primi.

A tre giornate dalla fine del campionato ancora non è certa la salvezza. Prima il Milan poi due scontri diretti, con questi nuovi impensabili rivali, Parma e Genoa.

La Fiorentina non è stata costruita per la salvezza. Avrebbe dovuto correre per l’Europa. Non è solo un fatto di punti. È anche mentale: un conto è partire dall’inizio sapendo di dover stringere i denti fino alla fine per guadagnarsi la permanenza. Un altro partire con grandi ambizioni e, dopo averle viste naufragare, scivolare lentamente sempre più giù fino a vedere l’abisso.

Probabilmente l’unico in questo momento a sorridere è Pioli. Messo alla porta da un cominciato vergognoso, ha colto tutti di sorpresa dimettendosi. E adesso vede la viola del ritrovato Montella affondare. Non era lui il problema.

Leggi Anche

LA REPUBBLICA, Su Lirola una spagnola: si conta sulla volontà del ragazzo

Sono giorni che possono risultare decisivi per la Fiorentina che va costruendosi. Uno dei primi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *