FIORENTINA, Per attirare gli allenatori alla Mourinho servono promesse di mercato importanti. Perché non provare a tesserare Javi Martinez?


La Fiorentina penserà a risolvere le vicende legate al calciomercato, sia in entrata che in uscita, solamente dopo aver tagliato il traguardo della salvezza. Tuttavia, la società si sta portando avanti sul fronte allenatore, in maniera tale da poter affidare il prima possibile, a mercato appena iniziato, l’organico ad un mister diverso da Iachini, così da garantirgli il maggior tempo possibile per costruire attaverso acquisti e cessioni una squadra a sua forma e somiglianza. Altre questioni interessanti sono i giocatori in scadenza, soprattutto in entrata. Nella prossima finestra di mercato saranno estremamente tangibili le ripercussioni economiche della crisi che ha colpito anche il settore calcistico, e molte società, essendosi indebitate e contando su un monte ingaggi corposo, lasceranno partire molti giocatori (talvolta anzitempo) a parametro zero. Nella giornata di ieri è emersa la notizia secondo cui Javi Martinez lascerà il Bayern Monaco a giugno, termine ultimo tramite cui il contratto scade. La Fiorentina è una delle poche società in Serie A con una solida base finanziaria, e con un progetto interessante, perlomeno ambizioso, è riuscita due anni fa a tesserare Franck Ribery. Le Roy arrivò a Firenze con qualche anno in più rispetto a quelli di Javi Martinez (32 per lo spagnolo), tuttavia la caratura è altrettanto internazionale; anzi, Ribery è stato un colpo a sorpresa, inaspettato, perché la viola stava attraversando un periodo abbastanza buio (come quello attuale insomma). Lo stipendio percepito da Frank e da Javi Martinez sono simili, e le varie cessioni in casa viola potrebbero permettere questo esborso stagionale, considerando l’inesistenza di alcuna spesa per il cartellino. Lo spagnolo è un mediano eccellente, con molta esperienza da difensore centrale, che potrebbe fare molto comodo alla causa viola, perché la coppia più collaudata di tutto il pacchetto arretrato (Pezzella e Milenkovic) è in partenza. La Fiorentina, qualora volesse davvero provare ad affidare la panchina ad un allenatore invidiabile, dovrà compiere anche questo tipo di acquisti.

Invia il tuo commento