Home / Editoriale / FACCIO IL BIS: Pro e contro del secondo corso Montella

FACCIO IL BIS: Pro e contro del secondo corso Montella

Ormai è notizia certa, Vincenzo Montella e la Fiorentina proseguiranno insieme questo secondo matrimonio. Proprio adesso che i tifosi sembravano pronti ad accogliere un nuovo tecnico per partire davvero dall’anno zero, una volta per tutte. Invece Commisso ha ordinato la ripartenza dall’allenatore campano, con tutti i pro e contro del caso che abbiamo cercato di analizzare e mettere in evidenza. Andiamo a cercare di capire quali possono essere le conseguenze, positive o meno, che potranno maturare da questa conferma:

PRO:

FATTORE PRADE’: Con il riunirsi dell’accoppiata Montella-Pradè tornano inevitabilmente nella testa i dolci ricordi della prima gestione targata Aeroplanino. Due grandi conoscitori di calcio e uomini di esperienza, così ripartire potrebbe essere un po’ più semplice. In più conoscono bene la piazza ed hanno dimostrato di saper tenere testa a Firenze. Non male come nuovo inizio.

GIOCO: A detta di molti l’ex allenatore del Milan non sarebbe più quello dei primi anni di carriera, quando con il suo gioco affascinante ed offensivo incantava a Catania e nella prima esperienza gigliata. Montella si è evoluto, sarà difficile rivedere il calcio mostrato nella sua prima avventura gigliata, ma unire il pragmatismo ad un calcio sufficientemente divertente potrebbe portare dei buoni risultati già dalla prossima stagione. La sessione di mercato estiva cucirà una Fiorentina ad immagine e somiglianza del suo allenatore. L’impressione è che al Milan le idee di Montella non siano state ascoltate più di tanto, mentre a Genova e Siviglia è subentrato. Difficile far calcio prendendo le cose a metà.

TIFOSIIl primo rapporto tra l’allenatore campano e la tifoseria viola era stato di amore a prima vista, la gente ha sempre fatto affidamento alle sue capacità. Riportare i supporter viola che si sono allontanati al momento del primo addio e in questi ultimi mesi dalla sua parte potrebbe essere meno complicato del previsto. Montella è già stato apprezzato dai tifosi, con un buon lavoro potrebbe far risalire tutti sul carro. Una tifoseria come quella fiorentina può essere un’arma in più.

CONTRO:

GIOCATORI: La prima esperienza è andata bene. In questa seconda avventura, però, Montella non ha ancora mai vinto. Molti calciatori andranno, ma qualcuno potrebbe restare. Chi ha vissuto lo spogliatoio degli ultimi mesi non ha conosciuto un Aeroplanino capace di esprimersi al meglio. Se i risultati non dovessero arrivare nelle prime giornate nella testa di alcuni calciatori potrebbe non scattare la giusta scintilla.

RITORNO: Le seconde volte, nel calcio, come nella vita, non sempre portano a migliorare quanto stato fatto nella prima. Anzi, spesso si va a rovinare le parti belle già vissute. Qui l’analisi diventa più complessa e si cerca di basarci su quanto visto nel corso degli anni anche in società diverse. Questo nuovo inizio, in parte, non sarà così una novità. La classica minestra riscaldata potrebbe andare indigesta.

TIFOSI: Ebbene sì, i tifosi spesso e volentieri sono un’arma a doppio taglio, specie per gli allenatori. E’ difficile ipotizzare in questa parte dell’anno se siano più i contenti o i delusi della conferma di Montella. Anche in questo caso potrà essere decisiva la prima fase della stagione: se la squadra partirà lentamente gli ostacoli verranno fuori come nei giochi di Super Mario e potrebbe nuocere al secondo viaggio fiorentino dell’ex attaccante della Roma.

 

 

 

articolo di Vincenzo Pennisi

 

 

 

Leggi Anche

INGLESE, D’Aversa: “Lo cercavano tutti. Felice sia al Parma”

Roberto D’Aversa, allenatore del Parma, ha parlato dal ritiro dei ducali di Roberto Inglese, a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *