Home / Esclusive / ESCLUSIVA F1, Stefano Burbi (compositore): “Per Astori ho composto Capitano per sempre. Narciso Parigi…”
Stefano Burbi

ESCLUSIVA F1, Stefano Burbi (compositore): “Per Astori ho composto Capitano per sempre. Narciso Parigi…”

Stefano Burbi è direttore stabile dell’Orchestra dei Filarmonici di Firenze e Composer in residence per la Canadian Chamber Academy di Toronto. Spazia dalla musica sinfonica, alla musica sacra, fino a quella da camera. Autore anche di varie colonne sonore e di musical. Dimostra una grande sensibilità: suo un brano dedicato al compianto capitano della Fiorentina Davide Astori. Queste le sue parole a FiorentinaUno.

Stefano, grazie della disponibilità. Cosa cerchi di trasmettere con la tua musica. “Ciò che faccio è affinché le persone provino emozioni grazie alla musica. Il musical? È un genere difficile che va trattato con cura, attenzione e profondità per catturare il pubblico”.

La Lega Serie A ha accolto la richiesta della Fiorentina per la fascia di Astori. Per Davide Astori hai composto un brano? “Il giorno della sua morte ho pianto. Scrissi di getto una poesia per Davide. Il primo anniversario della morte invece ho pubblicato un omaggio ad Astori Capitano per sempre. Un piccolo gesto per commemorare un giocatore che impersonava una doppia essenza del calcio: il calcio come gioco, come divertimento e il calcio come gesto tecnico ed eroico”.

Vuoi raccontarci del rapporto con Narciso Parigi? “La nostra amicizia dura da diversi anni. Ci siamo conosciuti a un incontro organizzato a La Nazione. Da subito è nato un bel rapporto. Anche le nostre mogli sono molto amiche. Narciso è una persona di una bontà unica. Come cantante aveva la dote di un timbro bellissimo e riconoscibile. Non molti lo sanno ma Narciso ha recitato anche in diversi film. Ogni volta che ascolto l’inno è un’emozione, un motivo di orgoglio. Quell’inno è la Fiorentina. Anche io composi un inno. Era il 2009 ma non l’ho pubblicizzato perché mai e poi mai mi permetterei di scalzare quello dell’amico Narciso. Per me dopo mia moglie e i miei figli viene la Fiorentina e l’ho sempre nel cuore. Ho anche avuto modo di conoscere alcuni giocatori della Fiorentina del secondo scudetto: penso a Merlo e De Sisti”.

La Fiorentina di quest’anno? “Si parla di calcio d’agosto però i segnali sono stati sicuramente positivi. Soprattutto nella partita con il Galatasaray. Mi sono piaciuti tantissimo Boateng che ha battuto un rigore perfetto, Montiel e Sottil. Come va quel ragazzino!”

C’è qualcuno che parla di te come il nuovo Morricone… “Fui definito così quando ero vivevo in Canada, a Toronto. Era il 1993. Ci fu la strage di via dei Georgofili e io ne rimasi colpito. Feci un concerto, eseguii un brano per commemorare le vittime, quindi il ricavato fu donato per la ricostruzione. A fine serata passò nel mio camerino un produttore che mi disse che secondo lui ero il nuovo Morricone. Da lì poi nacque la colonna sonora di Annigoni: portrait of an artist“.

 

Leggi Anche

ATALANTA, Due daspati non erano a Firenze: i legali a lavoro per annullare sanzione

Arrivano novità clamorose sul caso riguardante i 28 tifosi denunciati dalla Questura di Firenze per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *