Home / Esclusive / ESCLUSIVA F1, Filippo Megli, l’oro di Firenze: “Se vado alle Olimpiadi mi porto dietro la maglia della Fiorentina. Vedo la Viola in Europa”

ESCLUSIVA F1, Filippo Megli, l’oro di Firenze: “Se vado alle Olimpiadi mi porto dietro la maglia della Fiorentina. Vedo la Viola in Europa”

Tempo di sosta per i campionati, momento di riflessioni ed approfondimenti. Dopo la risalita delle ultime giornate la Fiorentina ha trascinato dalla sua parte ulteriori consensi da parte dei tifosi dopo l’iniziale entusiasmo emanato all’arrivo di Commisso. C’è un tifoso speciale che oltre a fare alla grande il suo in vasca non nega mai il sostegno alla sua Viola. Stiamo parlando di Filippo Megli, uno degli sportivi di nuova generazione pronti a far stropicciare gli occhi ai tifosi dello sport italiano. Filippo, classe ’97, è un nuotatore resosi protagonista per aver fatto crollare il record nei 200 sl di Brambilla, riscrvivendolo in 1’45″67. Nel 2018 a Glasgow ha strappato il bronzo nella staffetta 4×200 sl, mentre ai giochi del Mediterrano di Tarragona ha messo al collo l’oro. Inoltre è primatista nella staffetta 4×200 sl ai Mondiali di Gwangju 209. Adesso nel mirino di Filippo sono entrate le Olimpiadi del 2020, ma nel suo cuore c’è spazio anche per la Fiorentina. Ecco l’intervista esclusiva di FiorentinaUno a Filippo Megli:

SUL SOGNO OLIMPIADE…

“Quando si parla di Olimpiadi si parla già di un sogno, aldilà degli obiettivi che si possono raggiungere nel percorso. Ad oggi non sono ancora convocato, serve un determinato tempo per qualificarsi. Però sono fiducioso perché faccio parte della staffetta, sono il primatista italiano e questo mi dà qualche sicurezza in più. Dovesse arrivare l’occasione di qualificarmi però ripeto, sarebbe già un sogno. Parto per divertirmi, poi se arriva qualche risultato importante ancora meglio”.

SULLA FIORENTINA…

“Sono un tifoso Viola fin da piccolo, ricordo gli anni di Prandelli per poi arrivare a periodi più difficili, in cui il gioco latitava di pari passo insieme ai risultati, tutto stava diventando un po’ noioso. Quest’anno sono stati fatti grandi acquisti, i giocatori sembrano più motivati e questo riaccende la passione. Viene voglia di tornare allo stadio, di prendere calciatori della Fiorentina al Fantacalcio”

SUI SUOI ACQUISTI VIOLA AL FANTACALCIO…

“Ho preso i miei pupilli Castrovilli e Milenkovic. Castro si è dimostrato un grandissimo giocatore, poi ho provato a prendere un jolly come Ribery ed i risultati fin qui sono evidenti. Franck sta aiutando tutti i più giovani e sta dimostrando la voglia di giocare che ancora lo contraddistingue, è un campione”

SULL’OBIETTIVO STAGIONALE SUO E DELLA FIORENTINA…

“Ovviamente quando arriva l’anno delle Olimpiadi i riflettori e le attenzioni si spostano su quella manifestazione, essendo ogni quattro anni la voglia almeno di andarci è tanta. La Fiorentina invece deve fare i conti con squadre forti, l’Inter di Conte, il Milan che adesso vuole ripartire con Pioli, la Juve che è fortissima. Però se riuscissimo a tornare in Europa e mettere le basi per il prossimo anno non sarebbe poi così male”.

COSA CI SARA’ NELL’IPOTETICA VALIGIA PER LE OLIMPIADI…

“Stavo pensando di portare sicuramente qualcosa della Fiorentina, che sia una maglietta o una bandiera. Mi piacerebbe anche avere dietro un ricordo del territorio, magari qualcosa sul Chianti. Una maglia con il gallo nero farebbe scalpore, però mi farebbe sentire il territorio ancora più vicino. Vedrò di organizzarmi”

SULLE PAROLE DI NARDELLA…

“Il sindaco mi menzionò mettendomi in questa lista di migliori sportivi italiani della nuova generazione, io ho richiesto di venire a festeggiare i risultati con noi in piscina. Abbiamo sentito la lontananza dell’Assessorato dello Sport, ci siamo sentiti un po’ isolati. Adesso speriamo di creare un coinvolgimento con i nuovi membri per cercare di aiutare lo sport a crescere, non solo a Firenze ma in generale”

SUL SUO IDOLO…

“Non ho mai avuto un vero e proprio idolo, se proprio devo dirne uno senza dubbio dico mio padre. Nello sport ho apprezzato particolarmente le gesta di Paul Biedermann che detiene il record sia nei 200 sl che nei 400 sl, ha fatto la storia. Non mi posso paragonare a lui, però può essere sicuramente un esempio da seguire”.

foto di “La Presse”

 

Articolo di Vincenzo Pennisi

Leggi Anche

Caccia al numero 9. Gennaio il mese giusto? Ma dalla sfida contro l’Entella…

In questo ultimo tour de force del 2019 viola i gigliati dovranno provare a ritrovare …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *