Home / Esclusive / ESCLUSIVA F1, “Amore, prepara gli scatoloni: andiamo a Firenze!”. Vanessa, l’altra metà di Terracciano racconta il portiere

ESCLUSIVA F1, “Amore, prepara gli scatoloni: andiamo a Firenze!”. Vanessa, l’altra metà di Terracciano racconta il portiere

Dopo prestazioni convincenti nei momenti in cui è stato chiamato in causa si è guadagnato la riconferma nel nuovo corso della Fiorentina. Ed escludendo Terzic (acquistato prima dell’avvento di Commisso), si può dire che Pietro Terracciano è il primo tassello nel nuovo mosaico gigliato. Per conoscere più a fondo il portiere che lotterà con Dragowski per difendere i pali della Fiorentina, abbiamo voluto raccogliere pensieri ed idee della sua compagna di vita, Vanessa. Ecco l’intervista esclusiva di FiorentinaUno:

Sulla conferma a Firenze…

“Pietro è contento e consapevole di far parte del nuovo progetto della Fiorentina, quando è arrivata la telefonata eravamo a Stromboli, in un lampo ho rivisto gli stessi occhi di quando ci hanno chiamato a gennaio. Era un’occasione di quelle da prendere al volo, restare a Firenze è sempre stato un desiderio di Pietro”.

Su Pietro fuori dal campo…

“E’ una persona positiva, coinvolgente, propone sempre qualcosa e adora stare con amici e famiglia. Cerca sempre di vedere il lato pieno del bicchiere, è un po’ folle! E come portiere non è da meno…”

Sul loro rapporto…

“Ci siamo conosciuti grazie ad un’amica in comune sette anni fa, era una serata invernale e lui giocava nel Catania in quel periodo. E’ stato amore a prima vista, siamo andati subito a convivere e ad oggi abbiamo due bambini”.

Sul Terracciano papà…

“Sa prendersi cura dei figli, riesce a fare sia da papà che da mamma, infatti capita spesso che sia lui a cambiare i pannolini ed a dare la pappa. Con il più grande il gioco preferito è attaccante contro portiere, ma mi aspetto che a breve inizi a farlo anche con il più piccolo…”

Sul rapporto con il calcio fuori dal campo…

“Pietro riesce ad alternare momenti in cui stiamo noi da soli, staccando da tutto il resto, in altri il televisore è sempre sintonizzato sulle partite, anche a me piace molto il calcio. Le vacanze estive sono il momento in cui si vive a pieno colleghi ed amici, Pietro sa creare legami facilmente”.

Sull’ accoglienza di Firenze…

“E’ una città magica, bellissima. Al momento del nostro arrivo a gennaio le persone sono state molto accoglienti. colpisce molto la sinergia tra la gente e la squadra, c’è grande attaccamento alla maglia. Ed il tutto diventa contagioso…”

Si va alla Fiorentina…

“Quando mi ha comunicato il passaggio alla Fiorentina mi ha detto: “Amore, prepara gli scatoloni: andiamo a Firenze! “. Non ci ha pensato un attimo”.

 

 

 

Articolo di Vincenzo Pennisi

 

 

 

 

Leggi Anche

INGLESE, D’Aversa: “Lo cercavano tutti. Felice sia al Parma”

Roberto D’Aversa, allenatore del Parma, ha parlato dal ritiro dei ducali di Roberto Inglese, a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *