Home / Editoriale / COMMISSO TRACCIA LA STRADA. ORA PALLA ALLA SQUADRA. CONTRO IL TORINO…
Rocco Commisso

COMMISSO TRACCIA LA STRADA. ORA PALLA ALLA SQUADRA. CONTRO IL TORINO…

Chi pensava che avere un presidente oltreoceano potesse far sentire lontananza e distacco con la proprietà all’ambiente viola ha di che ricredersi. Commisso c’è e si sente, eccome se si sente. Si sente nei momenti di assenza, quando il mondo viola è nelle mani di Barone e Pradé, ma soprattutto nelle sue visite a Firenze.

Il presidente è ovunque, che sia alla partita della prima squadra o a quella di giovani e Women’s, che sia alla premiazione delle vecchie glorie o al Mayer, in comune per le questioni relative allo stadio, nei media, o negli incontri di mercato.

La visita di Commisso trova una Fiorentina depressa, con Federico Chiesa sulle prime pagine di tutto i giornali, in crisi di risultati e la ritrova poco dopo con, se non altro, una strada ben delineata da percorrere e qualche arma in più. Una strada che imparando dagli errori e costruendo da quanto di buono fatto vuole riconsegnare ai suoi tifosi una viola rinata.

Partiamo dal primo punto. La grande fiducia dei tifosi nella nuova proprietà è stata la benzina del rinato entusiasmo fiorentino in estate. Una benzina che il presidente alimenta ogni volta che prende parte a iniziative, eventi cittadini, e che parla di Fiorentina, stadio, progetti, ambizioni. Ecco perché la presenza a 360 gradi di Commisso e il suo volere mettere la faccia a difesa della squadra ha avuto l’effetto di smorzare almeno in parte la tensione che si iniziava a percepire nell’ambiente e di ridare fiducia dopo il periodo difficile.

Un altro risultato conquistato dal patron è che le voci sul “mal di pancia” di Federico Chiesa sono drasticamente diminuite, e che il giocatore domani contro il Torino tornerà probabilmente a guidare la squadra dal primo minuto recuperato fisicamente ma soprattutto mentalmente. Commisso, resosi forse conto delle controindicazioni dovute alla linea dura intrapresa in estate di fronte a quella che pareva essere la volontà del giocatore, ha invece scelto di mediare. “Vorrei che rimanesse per sempre, ma anche la sua volontà a fine anno andrà valutata” ha dichiarato oggi. Se sarà rinnovo, addio, o entrambi non è dato saperlo, ma intanto avere il vero Chiesa da qui a fine stagione fa tutta la differenza del mondo.

Poi c’è il campo e le tre sconfitte consecutive. Presidente e dirigenza hanno scelto di sostenere Montella. Valutare giorno per giorno, tenendo conto delle difficoltà che ha dovuto affrontare l’allenatore per via della rivoluzione estiva, è una linea che la società viola ha deciso di intraprendere almeno per il momento, nonostante mormorii e nomi di possibili sostituti.

Fiducia, un Chiesa recuperato, una incetta di fiorentinità. Queste le armi che Commisso ha messo in mano a Montella.

Ora sta a tecnico e squadra seguire la via tracciata dal presidente. I progressi contro il Cittadella servono, ma non bastano.

Domani contro il Torino servirà un segno che dica che sì, la via tracciata è pronta per essere percorsa, e che eviti di rientrare in una spirale negativa che a Firenze si è vissuta sin troppo. Commisso sa aspettare e difendere quando si tratta di tecnico e squadra, ma come dimostrano le continue pressioni per campo e centro sportivo, non sembra essere uno che accetta passi indietro.

Print Friendly, PDF & Email

Leggi Anche

Gianfranco Teotino

TEOTINO: “Io non favorevole a Play Off/Out. Se non si conclude il campionato non va assegnato”

Intervistato da Radio Sportiva, Gianfranco Teotino, ex responsabile della comunicazione della Fiorentina, ha parlato così in merito …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *