ANCORA AGUDELO: “Firenze che emozione! Castro e Chiesa impressionanti. Commisso..”

Nuovo estratto dell’intervista di Kevin Agudelo alla Gazzetta dello Sport.

Sull’esperienza al Genoa: «Il mio esordio in Serie A è stato un giorno speciale. Tra l’altro è coinciso con il mio primo gol con i rossoblù. L’episodio più triste contro il Lecce quando per una mia ingenuità sono stato espulso per doppia ammonizione. Ho lasciato i miei compagni in 10 in un momento delicato. Thiago Motta che mi ha fatto debuttare in A diventerà un grande mister. Cerca il risultato con il gioco».

Su Commisso: «Ha una carica incredibile. Ci fa sentire la sua vicinanza».

Su Iachini: «Mi ha fatto debuttare a Torino con la Juve. È molto attento ai nostri movimenti, ci sprona dal primo all’ultimo minuto in allenamento e in partita».

Su Firenze:«Trasmette emozioni forti. Il Duomo, Santa Croce, piazza Signoria: voglio vederle nei minimi dettagli».

Su Chiesa e Castrovilli: «Sono giovani eppure hanno già dimostrato tanto. Federico riesce a fare degli strappi impressionanti».

Sui giocatori che lo hanno impressionato: «Ribery, Chiesa e Castrovilli poi, CR7, Ibra, Lukaku».

Sui colombiani: «Rodriguez? È un altro dei miei idoli. Mi piacerebbe avere qualcosa in comune con lui. Zapata e Muriel sono due attaccanti straordinari. Possono decidere qualsiasi partita da soli. Cuadrado? È un punto di riferimento per tutti i giovani colombiani. Ha lasciato dei bellissimi ricordi a Firenze. Sarebbe un sogno raggiungere i suoi livelli».

Sulla Nazionale: «Spero di meritarmi questo onore. La Fiorentina può aprirmi le porte dei Cafeteros».

Invia il tuo commento