Home / Editoriale / ULTIME CHIAMATE…
foto ACF

ULTIME CHIAMATE…

La sconfitta di ieri della Fiorentina, al Franchi, contro il Sassuolo ha, inevitabilmente, riportato tensione all’interno del gruppo gigliato. Oggi grande colloquio tra Iachini e la squadra per ritrovare la giusta attenzione in questo finale di stagione.. quando i punti dalla terz’ultima (Lecce) sono soltanto sei e, prima dello scontro con i pugliesi ci saranno tre giornate impegnative contro Parma, Cagliari e Verona.. squadre che stanno dimostrando una discreta forma post sosta Covid. Insomma la coperta è corta e la viola deve ritrovare prestazioni e, soprattutto punti per cercare di uscire al più presto dalla zona rossa che, in queste tre giornate è stata anche favorevole agli uomini di Iachini, nonostante il solo punto conquistato con il Brescia.

Contro gli uomini di De Zerbi una bruttissima prestazione dei viola che hanno concesso troppo agli avversari e sprecato tanto.. poco gioco ma soprattutto pochissima applicazione, in ogni settore del campo. Al di là della sconfitta, infatti, è la prestazione deficitaria a far preoccupare i tifosi.. la lotta salvezza, che finora ristagna tranquilla, potrebbe accendersi da un momento all’altro e questi punti persi pesare alla chiusura del cerchio. Due sconfitte e un pareggio dal ritorno in campo.. ultima vittoria casalinga il 12 gennaio (ultimo match del girone d’andata contro la Spal).. 15 punti raccolti tra le mura amiche in questa stagione in 15 partite disputate al Franchi (16 in 14 partite in trasferta). Numeri che devono per forza subire uno scossone per poter chiudere questo torneo (già troppo travagliato di suo) in serenità e pensare già alla prossima stagione. Magari fare subito il punto di questo 2020 da dimenticare per tanti motivi e scegliere da dove e come ripartire.. e, sicuramente, da chi. Selezione obbligata in campo.. da definire nella guida tecnica. Al momento Iachini sembra essere ancora ben saldo sulla panchina viola almeno fino al termine della stagione.. ma altre battute d’arresto come ieri potrebbero compromettere già questo finale. Per non incorrere in rischi. Sfidare la sorte, come nella sciagurata stagione passata con la salvezza conquistata all’ultimo respiro, non sempre è possibile e non sempre va a finire bene. Bisogna ripartire e rialzare la testa prima ancora della sfida del 15 luglio al Via del Mare di Lecce.. allungare sui rossoblù per arrivare al match chiave con un margine di sicurezza tale da permettere anche una tranquillità maggiore. Parma, Cagliari e Verona tre partite fondamentali per archiviare al più presto questa tumultuosa stagione.. poi ancora rifondazione!

Print Friendly, PDF & Email

Leggi Anche

GRENIER, Dalla Francia: la viola ci ri-pensa

Una vecchia conoscenza del mercato viola: Clément Grenier, attualmente al Rennes, torna di moda. Secondo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *