Home / News / SERIE A, Dal Pino in conferenza: “Ecco tutti i passaggi necessari per un campionato di nuovo al top”

SERIE A, Dal Pino in conferenza: “Ecco tutti i passaggi necessari per un campionato di nuovo al top”

Il numero uno della Lega Serie A, Paolo Dal Pino ha tenuto quest’oggi una conferenza stampa dopo la riunione di Lega che ha approvato all’unanimità la creazione di una media company coi fondi privati: “Domani – ha detto – è in programma un passaggio fondamentale, cioè l’approvazione della legge sugli stadi alla Camera, un passaggio inderogabile per rilanciare il nostro calcio. Gli stadi italiani vanno ammodernati e la burocrazia va snellita per stare al passo con l’Europa. Possiamo essere generatori di moltiplicatori di PIL, ma in un momento di difficoltà del Paese bisogna che ci siano le condizioni per poterlo fare. Stadi al top aiutano a confezionare anche un prodotto migliore del nostro calcio. Altro tema importante è l’interlocuzione che abbiamo oggi con Gravina e il Governo per le misure che riguardano da un lato il protocollo sanitario e dall’altro l’accesso negli stadi. Oggi, con una gara ogni sette giorni, riteniamo che sia un punto determinante perché i costi sono elevati. Assurdo che per le amichevoli entrano mille persone e per i match ufficiali non entra nessuno. La salute al primo posto, prudenza, ma bisogna fare le cose giuste. In uno stadio da 80mila posti a sedere perché non può entrare una parte dei tifosi? Avviene tutti i giorni ovunque e in ogni contesto di vita. Stiamo parlando di un elemento dirompente per tutti i nostri club. Abbiamo già valutato tutti gli aspetti necessari stadio per stadio, oggi in Lega c’era un problema serio. I presidenti chiedono a noi di affrontarlo nelle giuste sedi perché facendo le cose in totale sicurezza, ripeto, non si può dire che allo stadio non può entrare nessuno”.

Continua a leggere dopo la pubblicità

Media company?
“Ora i prossimi passi. Abbiamo deliberato di lavorare alla costituzione con un partner di private equity. Le condizioni devono certo essere verificate al cento per cento e siamo a buon punto per quelle che sono le varie tematiche e progettualità. Ci saranno perciò una serie di comitati tecnici, con tempi abbastanza rapidi. Il calcio è entertainment, il contenuto forse più amato dai telespettatori e la Serie A è questo media. Parlando con i manager di importanti media internazionali, ho capito che bisogna che ci si impossessi del proprio destino e per farlo servono investimenti in risorse e nuove strutture. E’ una sfida colossale, la tecnologia ha cambiato tutto, la fruizione dei contenuti è mutata anche solo rispetto a un anno fa, il marketing ha subito una vera rivoluzione. La Lega per tanti anni ha lavorato con intermediari, ora il valore deve stare in casa. Ci siamo chiesti: questo passo lo facciamo da soli o con un partner? Abbiamo dimostrato di avere difficoltà di governance e la mia esperienza manageriale, ma anche quella dei presidenti, dice che da soli non siamo in grado di farlo. In più la nostra lega dieci anni fa era seconda in Europa, poi è arretrata alle spalle di Bundes e Liga. Oggi abbiamo bisogno di stabilità finanziaria perché il momento è complicato, serve trasformarsi rapidamente, la cultura aziendale è la cosa più importante e noi non ce l’abbiamo. Il debito in Lega è inammissibile. Personalmente sono orgoglioso di essermi confrontato con sei dei più importanti player di private equity al mondo. La mia visione è identica a quella di Aurelio (De Laurentiis, ndr). I presidenti si sono uniti nello stesso cammino, sono responsabili e così trovare il consenso unanime è stato semplice. Visto lo stato attuale delle cose è difficile pensare che qualcuno remi contro”.

Print Friendly, PDF & Email

Leggi Anche

POSTPARTITA, Iachini: “Il pareggio ci stava stretto. L’Inter può sempre colpire”

Queste le parole di Iachini a Dazn: “Abbiamo avuto la giusta personalità. Potevamo anche raddoppiare …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *