Home / blu / RIBERY, Ecco come nacque la trattativa: “Grazie a Comparisonator, un programma”

RIBERY, Ecco come nacque la trattativa: “Grazie a Comparisonator, un programma”

Nicola Innocentin svela a TMW come sia nato l’affare Franck Ribery alla Fiorentina: “Oltre che assicurarmi sulle condizioni fisiche di Franck con Gianni Bianchi, preparatore del Bayern, ho usato anche il programma Comparisonator: era in fase beta ma grazie al mio rapporto con chi l’ha creato è stato utile e fondamentale. Immaginavamo un trasferimento in un club senza Coppe, poi gli infortuni sono imponderabili. Però il dato emerso è stato positivo”.
Ribery al top comparato con le classifiche di rendimento della Serie A.
“Al netto del nome e del prestigio di Ribery, oggettivamente sarebbe stato un parametro zero con ranking comparativi altissimi. Si posizionava sempre primo, secondo o terzo, o comunque nella top ten dei valori analizzati”.
Come è nato tutto?
“A fine giugno ero a Firenze, Pradè era da poco alla Fiorentina. Con lui ho parlato di diversi profili tra cui Franck Ribery. Con il ragazzo c’era un rapporto personale, vivendo a Monaco di Baviera. Peraltro, casualità, i nostri figli andavano alla stessa materna. E poi avevo la garanzia di Bianchi sulle sue garanzie fisiche”.
Poi c’è stato da convincere Ribery e da far quadrare tutti insieme i conti.
“Da lì abbiamo verificato l’interesse di Ribery nel venire a Firenze, cosa che ho fatto direttamente con lui. Più videoconference con Franck e con la Fiorentina, supportando questa attività grazie ai dati. Abbiamo fatto notare tre cose: con la comparazione, è stato evidentente che avrebbe potuto giocare bene anche in Italia. Poi che da solo aveva all’epoca un numero di follower superiori a Fiorentina e sponsor: anche a livello di immagine, per una proprietà americana, sarebbe stata un’opzione importante. E poi come straniero in Italia avrebbe goduto del decreto crescita per gli sgravi fiscali. Poi tutto si è concluso partendo da quegli input lì. L’operazione poi è andata avanti formalmente con l’agente Migliaccio e con Davide Lippi. E si è conclusa, per la felicità di tutte le parti in causa”.

Print Friendly, PDF & Email

Leggi Anche

POSTPARTITA, Iachini: “Il pareggio ci stava stretto. L’Inter può sempre colpire”

Queste le parole di Iachini a Dazn: “Abbiamo avuto la giusta personalità. Potevamo anche raddoppiare …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *