Home / blu / Quel Fiorentina-Crotone sotto la pioggia. Un uomo speciale salvò la viola… (VIDEO)
slide_astori_07

Quel Fiorentina-Crotone sotto la pioggia. Un uomo speciale salvò la viola… (VIDEO)

In una piovosa giornata di ottobre dell’anno scorso si giocava Fiorentina-Crotone, la prima sfida ufficiale tra i due gruppi, il primo capitanato da Paulo Sousa, il secondo da Davide Nicola. La Fiorentina non subiva gol da 6 partite e ne aveva segnati 14 (segnati in tutte le competizioni). Il Crotone aveva perso tutti gli incontri giocati fino a quel momento.

La partita si preannuncia bagnata, molto bagnata, talmente bagnata che al minuto 17 l’arbitro Gavillucci è costretto a fermare il gioco. Il drenaggio del Franchi è sempre stato tra i migliori, ma durante quel 26 ottobre un nubifragio sommerse Firenze e il rettangolo di gioco. Tante le prove di rimbalzo del pallone, ma niente da fare, Gavillucci interrompe la gara ferma 0-0 fino a quel momento. Dopo circa 40 minuti i due capitani, Gonzalo Rodriguez e Cordaz, si riuniscono a colloquio con l’arbitro. Ha smesso di piovere, il sistema di drenaggio ha compiuto il suo dovere. Si riparte.

24esimo minuto di gioco, cross teso in area di rigore viola: Tatarusanu esce per agguantare il pallone, ma la sfera, bagnata, scivola tra le mani del portiere rumeno e finisce dritta sulla punta dello scarpino di Diego Falcinelli, che ora veste la maglia viola. Rete. Il Crotone è in vantaggio in maniera inaspettata, la Fiorentina accusa il colpo e su questo risultato finisce la prima frazione di gioco. Nella ripresa Maxi Olivera lascia il posto a Nikola Kalinic, Sousa vuole vedere la squadra segnare, ma per la Fiorentina la porta sembra stregata con un Cordaz in forma smagliante. Un gran tiro di Ilicic accarezza il palo, una sassata di Vecino finisce larga, sembra quasi un serata maledetta quella dei viola, fino al minuto 85 quando su un calcio d’angolo velenoso, Rohden del Crotone sbaglia a rinviare, la palla scivola sul suo piede e si dirige in porta. A spingerla dentro arriva un signore abituato a stare nelle retrovie. Un uomo che la Fiorentina ha perso troppo presto, ma che sta dando la forza all’attuale gruppo, quello di Stefano Pioli. L’uomo in questione è Davide Astori, che con una zampata riporta la Fiorentina sul pari e garantisce un punto alla squadra.

La partita finisce così, con il ruggito del numero 13, colui che l’anno dopo sarebbe diventato capitano. Colui che qualche settimana fa ci ha lasciati tutti attoniti, ma che illuminerà per sempre il manto erboso del Franchi.

Leggi Anche

dazn

DAZN, Rushton: “Rammaricati per i disagi dei tifosi ma…”

James Rushton, Ceo di Dazn, parla dei problemi riscontrati dagli utenti nelle prime partite trasmesse …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *