Home / Editoriale / PIOLI OPPOSTI, Stefano solo al comando. La società studia la Fiorentina che verrà

PIOLI OPPOSTI, Stefano solo al comando. La società studia la Fiorentina che verrà

Ci si avvicina alla Primavera, ma sembra scattato un temporale estivo, di quelli brevi ma potenti. Nubi, pioggia a scroscio. Il tutto sembra essersi scatenato domenica sera, nel post partita di Fiorentina-Lazio. Le parole di Pioli riecheggiano in tutta Firenze, passando per varie panchine di Serie A, una sorta di partita a scacchi in cui ognuno è una pedina. Il tecnico viola ha provato a salvarsi prima di essere mangiato. Stefano ha già preso la sua decisione, e verosimilmente, la strada tracciata sembra essere lontano da Firenze, direzione Nord. La Liguria mette sul piatto un ipotetico scambio sotto la Lanterna, con Giampaolo, che manda avanti alla Samp un progetto tecnico divertente ed intrigante, ai Della Valle piace l’idea di una Fiorentina palleggiatrice e divertente, una sorta di Montella-capitolo secondo. Il ritorno a casa, nell’Emilia parmigiana, potrebbe essere stuzzicante. Anche in questo caso il nome di D’Aversa, il nuovo che avanza, sembra interessante ai piani alti viola. Ancora più su, in Friuli, l’Udinese vorrebbe ripartire con un nuovo progetto ed affidarlo proprio all’ex allenatore di Inter e Lazio. In questo caso l’attuale allenatore friulano Nicola, non sembra far venire l’acquolina in bocca. Ed allora basta idee di scambio e via con i nomi forti: Di Francesco e Sarri. Due piste molto complicate, una più dell’altra, difficilmente accetteranno la Fiorentina senza delle garanzie ben precise, lottare per la seconda porta europea potrebbe non bastare. La soluzione tutta nuova potrebbe essere quella legata al nome di Alessandro Nesta. Pioli, adesso, cercherà di remare con le difficoltà che nascono da dichiarazioni come le sue ultime, proverà a sognare la Coppa e venerdì l’ultima chance di giocarsi l’Europa passando per il campionato. In questo momento sembra un uomo solo, con il pallone sotto braccio, a dare le ultime indicazioni ad un gruppo che l’ha sempre seguito senza mai abbandonarlo. In attesa dell’ultimo fischio in allenamento, la squadra proverà a non distrarsi ed a centrare l’obiettivo, con la speranza che anche i giocatori non arrivino a voltare le spalle al tecnico. Adesso c’è un avversario in più, la ripartenza che aleggia. Nuovamente. 

E non sarà un contropiede di Chiesa…

Leggi Anche

PRIMAVERA, Primo tempo scoppiettante: Fiorentina avanti 3-2 sul Toro

Grande avvio di gara della Fiorentina che apre le marcature con Montiel al 10′, raddoppia sette minuti …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *