Home / News / PEZZELLA: “Boca – River partita speciale e motivo di orgoglio, ma Fiorentina – Juve..:”

PEZZELLA: “Boca – River partita speciale e motivo di orgoglio, ma Fiorentina – Juve..:”

German Pezzella ha concesso una lunga intervista a Tuttosport. Queste le parole del capitano viola. 
Su Boca – River: «La sto vivendo on tantissima emozione. E’ motivo di orgoglio non solo per Buenos Aires ma per tutto il mio Paese avere due squadre argentine nella finale di una competizione così prestigiosa. Un evento unico, eccezionale. Già di per sé è una gara importante e piena di significati, la posta in palio ne aumenta ancor più il fascino. Perché noi argentini viviamo il calcio in maniera particolare, la nostra passione è unica. Certo, Real-Barcellona è una grandissima partita, ma River-Boca ha qualcosa dentro il campo e soprattutto fuori che la rende bella, speciale, e fa sì che nessun’altra sfida venga vissuta e sentita allo stesso modo. Difficile far pronostici in una gara così diversa da tutte. Posso solo augurarmi che vinca il River essendo la mia squadra del cuore. Posso dire con certezza che (segnare al River ndr) è stato un momento indimenticabile. Ricordo una partita strana, pioveva tantissimo, ero entrato a gara in corso per giocare addirittura centravanti: segnare dopo soli tre minuti al Boca, nel nostro stadio, fu un’emozione che non si può descrivere. Esattamente ciò che tutti i bambini argentini sognano fin da piccoli. Sono stato 9 anni nel River e fare gol al Boca è stato e sarà sempre qualcosa di unico. Il River ha una grande rosa con giocatori molto forti, il migliore è stato Pity Martinez, il numero 10 che nell’ultimo anno ha giocato a livelli spettacolari. Pure il Boca però è pieno di grandi talenti, il più pericoloso direi Cristian Pavon, siamo compagni in Nazionale. Se questa forte rivalità si avverte anche lì? No. Perché quando vestiamo la maglia della Seleccion siamo tutti e solo argentini. Questa sfida non solo è motivo di orgoglio per tutta l’Argentina ma deve essere anche una vetrina, quindi uno spettacolo bello che possa far parlare bene del nostro Paese in tutto il mondo. Il calcio deve essere sempre e soltanto gioia e divertimento».
Su come si stia organizzando per vederla: «Domani con Simeone partirò per l’Argentina per la convocazione in Nazionale: all’ora della finale saremo in aereo, di sicuro chiederemo di accedere al wifi di bordo per poterla vedere sul cellulare, tablet o qualsiasi altro dispositivo perché è impossibile perdere una sfida del genere. Insomma, troveremo il modo Non posso negare che ogni calciatore argentino, specie chi ha vestito una di quelle due maglie, vorrebbe giocare una partita così. Credo che in Italia i derby di Milano e di Roma possano in qualche modo avvicinarsi. Ma per me che la vivo molto da vicino anche la sfida tra Fiorentina e Juventus non è certo da meno…».

Leggi Anche

GAZZETTA, “Ripartiamo da qui”

In prima pagina la Gazzetta dello Sport di stamattina si presenta con Federico Chiesa, attaccante …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *