Home / News / Nel nome di Fedex

Nel nome di Fedex

Chiesa e Giglio, simboli che da sempre si sposano a meraviglia e che per ora sembrano destinati a rimanere insieme. Il giglio, il simbolo del fiore della Madonna, primo stemma ad accompagnare le lotte crociate del popolo fiorentino, oggi stemma cucito del condottiero Fedex. Giá proprio cosi, quel Federico Chiesa lanciato nella mischia tra lo scetticismo e la curiositá generale, ad oggi è una delle certezze più solide e brillanti del mondo viola. Su di lui si sono susseguiti numerosi rumors, dall’ipotetica chiamata di Ancelotti ai tentativi di Monchi e Marotta, per non parlare delle ipotetiche offerte… 50 milioni di euro più i cartellini di Rog e un giovane dal Napoli, 40 milioni di euro piu il cartellino di El Shaarawy dalla Roma, 40/50 milioni di euro dall’Inter e infine quell’indiscrezione che sà di patto segreto e che spaventa i tifosi viola tra Fiorentina e Juventus nell’affare Pjaca, nel quale i bianconeri avrebbero strappato un diritto di prelazione sul talento azzurro. Ad oggi esiste solo una certezza, il muro viola ha tenuto, il numero 25 sarà ancora li, al suo posto a condurre la compagine viola alla conquista di qualcosa d’importante, di quel posto in Europa che il giglio merita e vuole riconquistare a colpi di classe ed eleganza, forza e geometria cosi come un generale guida le sue truppe sventolando e portando in alto la sua bandiera con la migliore strategia. Insomma il popolo fiorentino può stare tranquillo e almeno per quest’anno può ancora sperare nel nome di Fedex.

Leggi Anche

AS, Simeone: ” Siamo i più giovani d’Europa, quando segnerò in Champions…”

Intervistato dal media spagnolo As, l’attaccante della Fiorentina Giovanni Simeone ha parlato del suo presente e del suo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *