Home / News / MOENA, Vlahovic: “Mi ispiro a Zlatan, spero di eguagliare le imprese di Bati e Toni. Il mio punto forte…”

MOENA, Vlahovic: “Mi ispiro a Zlatan, spero di eguagliare le imprese di Bati e Toni. Il mio punto forte…”

Inizia la conferenza di presentazione di Dusan Vlahovic.

La presentazione di Giancarlo Antognoni: “Ragazzo promettente e giovane, già con esperienza. Nato il 28 gennaio 2000, all’età di 16 anni ha esordito in massima serie con il Partizan Belgrado, con tanto di record di giocatore più giovane ad esordire nel suddetto campionato. Inoltre record come giocatore più giovane ad aver segnato nella massima serie balcanica, quindi una promessa senza ombra di dubbio. Ha già esordito anche in under 19 serba facendo un gol in 3 partite. Alto 1,90 m, tecnicamente molto dotato, le sue caratteristiche più importanti sono il colpo di testa e la tecnica individuale”.

 

“Grazie di essere qui, è un piacere per me essere qui con tutti voi. Voglio ringraziare chi mi ha dato questa opportunità”.

Sul giocatore a cui si ispira…

“Mi ispiro a Zlatan Ibrahimovic, è un giocatore con grande tecnica e mi piace molto”.

Sul campionato italiano molto difficile tatticamente…

“Sono consapevole che è difficile, ma cercherò di fare il meglio che posso”.

Sulle parole di Milenkovic che disse che saresti stato uno dei 5 attaccanti più forti del mondo…

“Per me è uno dei 3 giocatori più forti in serie A. Lo ringrazio per l’aiuto che mi ha dato e che mi sta dando in questo periodo”.

Sulle tue caratteristiche migliori…

“Il mio piede sinistro, con la testa devo migliorare”.

Sulle somiglianze con Milosevic (in Italia con il Parma)…

“In serbia è una leggenda e mi piace molto”.

Sul lavoro che svolge Pioli…

“E’ un grande allenatore, mi piace molto lavorare con lui”.

Sulla possibilità dell’Europa League e le tue aspettative…

“Sono qui per imparare e migliorare, ho molta pazienza e voglio crescere. Vorrei tanto giocare in EL”.

Sui grandi attaccanti del passato viola che ti piacerebbe eguagliare…

“Batistuta e Toni sicuramente”.

Su Firenze e la Fiorentina…

“Bella città con tanta storia. Prima di me sono passati tanti giocatori nati tra la Serbia e il Montenegro, tutti dopo la Fiorentina hanno avuto una grande carriera”.

Sulle occasioni sbagliate ieri in amichevole…

“Avrei voluto segnare 2/3 reti, ma purtroppo non è andata così, ma ci riproverò”.

Su Simeone…

“E’ un bravo ragazzo, ha molta qualità. Parliamo spesso e mi da tanti consigli”.

 

 

 

Leggi Anche

AS, Simeone: ” Siamo i più giovani d’Europa, quando segnerò in Champions…”

Intervistato dal media spagnolo As, l’attaccante della Fiorentina Giovanni Simeone ha parlato del suo presente e del suo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *