Home / Editoriale / Il “Cholito” nuovo bomber pronto per San Siro, arriva Biraghi dal Pescara, la nuova Fiorentina si completa
slide-corvino

Il “Cholito” nuovo bomber pronto per San Siro, arriva Biraghi dal Pescara, la nuova Fiorentina si completa

Il conto alla rovescia è partito. Ancora pochi giorni e la Fiorentina scenderà a San Siro nella prima di campionato contro l’Inter di Spalletti. Il passato che incontra il presente, sarà la gara degli ex a partire dalla coppia BorjaVecino oggi sulla sponda nerazzurra, ma sarà anche la partita di Mister Pioli, si ripartirà da dove aveva lasciato, proprio da quella panchina del Giuseppe Meazza che lo scorso campionato aveva sancito il divorzio tra il neo tecnico viola e i nerazzurri di Suning. Quella di domenica non sarà ovviamente una partita dai giudizi facili o definitivi anzi bisognerà starne alla larga. La Fiorentina è ancora un cantiere in corso, mancano dei pezzi fondamentali, l’allenatore si è detto tranquillo a più riprese, i patti con la società erano stati chiari fin dal principio. Ci sarà una squadra competitiva, i tempi per la costruzione della stessa non erano preventivabili, troppe le variabili che potevano determinare la nuova campagna acquisti. Prima la smobilitazione in tronco di quella che fu l’armata di “Montelliana” memoria e del suo unico superstite Mati Fernandez rientrato in casa dopo una parantesi peraltro non del tutto positiva nell’ultimo anno, proprio alla corte dei rossoneri guidati dall’aereoplanino, poi la rifondazione. Sì perché per rifondare bisognava prima vendere, fare cassa, Corvino l’ha fatto ma la Fiorentina è rimasta ostaggio dell’unico pezzo da novanta che avrebbe potuto davvero dare il via non appena ceduto ad almeno un paio di acquisti di buon calibro. Il caso Kalinic ha mischiato dunque nuovamente le carte, per il Milan era la seconda scelta, una scelta che si farà a breve, ma che ha maledettamente complicato i piani del dg viola. Le prossime ore sanciranno dunque l’addio dell’attaccante croato e l’arrivo in viale Fanti di un nuovo numero nove, un argentino il “Cholito” Simeone. Lasciando da parte paragoni illustri, questa sembra una scelta che mette d’accordo davvero tutti, società, tecnico e tifosi. Nel frattempo la Fiorentina ha messo a segno altri due colpi, l’ultimo nella serata di ieri, dal Pescara arriva Cristiano Biraghi classe 92’ terzino sinistro ex under 21, 22 presenze ed un gol con l’Italia, l’altro ventiquattro ore prima, Gil Dias, portoghese, esterno d’attacco, ventuno anni di proprietà del Monaco, sfumati i due nomi che circolavano da giorni, come Emre Mor e Jesè, si torna a puntare su un’altra scommessa. Parlando di Benassi è di certo l’acquisto che più a riconciliato in un momento di piena sfiducia sull’operato della dirigenza viola, giocatore forte, pronto, adatto al gioco dell’attuale tecnico gigliato. Detto questo all’appello manca ancora qualcosa…L’ultima casella da ricoprire sarà quella del quarto difensore centrale chiesto dallo stesso Pioli. Nel mirino di Corvino, Paletta possibile contropartita nell’affare Kalinic. Occhio sempre a Badelj, se dovesse partire anche lui ci sarebbe da rimpiazzare un altro posto in mediana. Con chi? E’ proprio questo il bello del calciomercato. Tutto può ancora succedere, di sicuro bisognerà fare in fretta, il 31 agosto è ormai alle porte. L’anno zero stà per ripartire.

Leggi Anche

slide-fiorentina-womens-coppa

La Champions torna al Franchi: biglietti disponibili per Fiorentina Women-Fortuna

La Champions ritorna al Franchi grazie alla Fiorentina Women. Mercoledì 4 ottobre, ore 20.30, la …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *