Home / Editoriale / GALDIOLO, Addio al Gigante buono
162628380-2f830e04-1904-4456-a126-34acca9e4f66

GALDIOLO, Addio al Gigante buono

Un post scarno, raccolto, di poche righe del figlio Alessandro ne annuncia la dipartita. Un non detto sintesi efficace di tutto il dolore della famiglia Galdiolo.

Sotto queste esili parole campeggia una foto del padre Giancarlo in azione: nel fiore degli anni. Capelli lunghi, basettoni, giglio cucito sulla casacca, muscoli tesi. Possente. Arcigno. Gagliardo come la Fiorentina di quegli anni d’oro.

È lutto pesante nel mondo del calcio, unanime il cordoglio. Molti compagni di squadra di allora rompono il silenzio per commemorare il Gigante buono: Roggi Merlo e Desolati tra i primi.

“La nostra era come una famiglia in cui eravamo tutti uniti. Era un calcio diverso, formato da squadre di quindici giocatori e l’allenatore rappresentava la figura paterna. Era un difensore possente. Quando gli avversari si trovavano di fronte un armadio come lui, non era facile. Metteva paura, qualcuno provava soggezione. E poi ti marcava stretto, non come i difensori di oggi…” così Desolati.

A loro si unisce anche Giancarlo Antognoni, l’Unico 10 ha dichiarato: “Galdiolo giocava ancora nella Fiorentina quando io ho iniziato, è stato come un fratello maggiore per me tanto che è stato pure mio testimone di nozze. Sapevamo da tempo della sua malattia ma questo non ci prepara mai al dolore per la scomparsa di una persona cara”.

Nell’unirsi al dolore della famiglia non si può dimenticare l’appello lanciato nel 2010 dalla famiglia per sensibilizzare il mondo del calcio sulla malattia, una forma di demenza frontotemporale (colpisce i motoneuroni), che affliggeva Giancarlo e sulla SLA e per spingere verso maggiori investimenti nella ricerca. C’è ancora molto da fare per sconfiggere questa malattia come tutte quelle neurodegenerative, ad esempio SLA che ha colpito Borgonovo, un altro ex viola. Proprio il prossimo 16 settembre ci sarà l’undicesima giornata contro la SLA: i volontari di AISLA, associazione che si prende cura delle persone con SLA scenderanno in piazza in tutta Italia (a Firenze in via Roma).

Un giorno grazie alla ricerca questa malattia sarà sconfitta. Buon viaggio Gigante buono!

Leggi Anche

Slide_Cognini04

POSTPARTITA, Cognigni: “Mazzoleni? Insufficiente e provocatorio. La VAR genera mostri”

Parole di fuoco quelle del Presidente Mario Cognigni in zona mista: “Risultato bugiardo. Mazzoleni ha …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *