Home / News / EX VIOLA, Tatarusanu: “Sono felice. La società vuole fare cose importanti”

EX VIOLA, Tatarusanu: “Sono felice. La società vuole fare cose importanti”

Il Milan tra poco presenterà in conferenza stampa Ciprian Tatarusanu, portiere rumeno con un passato alla Fiorentina, prelevato dal Lione recentemente. Tatarusanu sarà il secondo portiere alle spalle di Donnarumma.

Senti la fiducia del club dietro la tua operazione? “Si, la società vuole fare cose importanti, abbiamo preso gente sul mercato e sono fiducioso”.

Sei cresciuto con il mito dello Steaua… “Prima di giocare allo Steaua ero un loro tifoso, ho visto la finale vinta con il Barcellona e quella persa con il Milan. Tutti volevano giocare con lo Steaua, sono stato fortunato ad arrivare a giocare con la squadra più forte in Romania”.

L’Italia spesso presente nel tuo destino… “Ho fatto la mia prima partita in amichevole contro l’Italia. Tanti calciatori rumeni hanno giocato in Italia, si può dire è più facile per noi farsi trovare pronti qui in Italia”.

Fare bene al Milan in chiave nazionale? “La nazionale per me è importante, ho giocato tante gare ma voglio fare molto bene. Mi preparerò al meglio qui per essere pronto quando il mister mi chiama in causa”.

Hai voglia che il calcio torni i tifosi allo stadio? “Non è facile giocare una gara senza tifosi, in Francia già ci sono, circa 5000, non sono tanti però è un’altra sensazione, è sicuramente meglio di giocare senza. Spero che qui in Italia riapriranno le porte dello stadio, noi giochiamo anche per loro”.

Quando ho sentito il Milan cosa hai provato? “Sono stato felice, quando una squadra così importante ti segue sono stato davvero contento. Per fortuna sono arrivato”.

Cosa puoi portare al Milan? “Non è facile essere il secondo portiere, ti alleni sapendo che forse non giochi la domenica, però mi piacciono le sfide e darò sempre tutto. Quando ci sarà l’opportunità darò il meglio per aiutare il Milan”.

Come para i rigori Donnarumma? “Gigio è molto bravo sui rigori, è alto e spinge bene, per chi tira è difficile fare gol perchè devono trovare precisamente. Anche io paro molti rigori e sono molto alto, forse per questo gli attaccanti sbagliano”.

Hai già lavorato con Pioli? “Ho lavorato poco con lui, solo due settimane a Firenze. E’ stato solo un ritiro”.

Ti piacerebbe concludere la carriera al Milan? “E’ una grande squadra, perchè no? Tanti giocatori pensano a questo”.

Donnarumma è giovane, cosa può imparare da te? “E’ un mestiere che si impara ma possiamo anche rubare qualche segreto agli altri portieri”.

Il ricordo più bello del campionato italiano? “Qui c’è molta esigenza, si cura il dettaglio. All’inizio non è facile, in Francia è diverso”

Print Friendly, PDF & Email

Leggi Anche

Rocco Commisso

CORSPORT, La carica di Rocco

Carica Commisso al Centro Sportivo. Il presidente dopo i controlli di rito, tutti negativi fortunatamente, è …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *