Home / Calciomercato / E’ SEMPRE CALCIOMERCATO – Bernardeschi sarà la plusvalenza del 2017: attenzione a non commettere gli stessi errori del passato
slide_bernardeschi_11

E’ SEMPRE CALCIOMERCATO – Bernardeschi sarà la plusvalenza del 2017: attenzione a non commettere gli stessi errori del passato

E’ sempre il tempo giusto per fare buoni affari, se il momento è propizio. Lo sanno bene tutti gli esperti di calciomercato e soprattutto lo sanno i dirigenti delle varie società, i quali, a dispetto dei vincoli temporali delle due sessioni annuali, spesso iniziano a muoversi con largo anticipo sui potenziali rinforzi e sulle potenziali cessioni. Da questo presupposto nasce la rubrica “E’ sempre calciomercato” che, a cadenza settimanale, tratterà i temi del calciomercato della Fiorentina.

Stefano Pioli è diventato ufficialmente il nuovo allenatore della Fiorentina ma più che al tecnico di Parma la società pensa a come gestire la situazione Bernardeschi in maniera rapida e intelligente: il giocatore ha chiarito con la dirigenza la sua volontà di lasciare Firenze e in cima alle sue preferenze ci sarebbe la Juventus di Allegri, anche se non sono da escludere in toto neppure l’Inter di Spalletti, dove il carrarese troverebbe sicuramente maggiore continuità di gioco, sia le piste estere, anche se Chelsea e Bayern Monaco sembrano intenzionate a puntare su giocatori di maggiore esperienza internazionale.

L’arrivo di Corvino nell’estate scorsa potrebbe aiutare la Fiorentina in questa operazione molto delicata e importante per il futuro prossimo della squadra. Il “mago di Vernole”, anche se ha fallito nella scorsa estate sul piano degli acquisti (come dimostrato dall’addio a Tello e Salcedo e lo scarso contributo in campo degli altri suoi uomini), ha da sempre dimostrato una certa abilità nel vendere a differenza della coppia Macia-Pradè: Marcos Alonso è stato ceduto da Corvino per 27 milioni circa al Chelsea, Stefan Savic ha traslocato all’Atletico Madrid per 10 milioni e Mario Suarez. Una differenza netta tra le due operazioni, soprattutto se consideriamo che l’ex Manchester City gioca titolare in una squadra che negli ultimi anni si è giocata da protagonista la Champions League.

Nei prossimi giorni il dg viola è chiamato dunque alla conferma delle sue competenze per il caso Bernardeschi: la Fiorentina potrebbe valutare le piste estere ma in caso di esito negativo non si dovrebbe fare problemi a cedere il numero 10 viola ai rivali di sempre della Juventus, che potrebbero mettere sul piatto 40 milioni+bonus e il cartellino di Rincon, centrocampista di grinta e sostanza che tornerebbe molto utile a Pioli sulla mediana. Anche l’Inter lavora sul giocatore ma resta indietro ai bianconeri sia per la necessità di cedere alcuni pezzi della rosa per rispettare il fair play finanziario, sia per la mancata partecipazione alla Champions League, con Bernardeschi che si troverebbe di fatto in una società nuova senza nessun reale vantaggio al netto di uno stipendio più alto.

La sensazione in sintesi è che la Fiorentina stia lavorando con la Juventus per una soluzione rapida che renda felice tutte le parti in causa: nei prossimi giorni vedremo quanto sarà forte e abile la società sul banco delle trattative, sperando che non vengano rifatti gli stessi errori del passato…

Leggi Anche

Edicola F1, le prime pagine dei quotidiani

Queste le prime pagine dei principali quotidiani sportivi in edicola questa mattina.    

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *