Home / News / Digestione natalizia turbata dalla sconfitta, adesso resta un solo obiettivo stagionale

Digestione natalizia turbata dalla sconfitta, adesso resta un solo obiettivo stagionale

Se Baba Natale aveva aiutato a godersi il cenone, Santo Stefano, scrive il Corriere Fiorentino, ha lasciato il carbone sotto l’albero viola. Battuta da un gol di Lulic e da una Lazio più forte, la Fiorentina esce dalla Coppa Italia e resta soltanto con un obiettivo da rincorrere: non è una bella sensazione per chi era abituato a lottare su tre fronti almeno fino a primavera, ma tant’è. Pioli se non altro potrà ridurre il poco amato turnover e affidarsi ai fedelissimo. Ma già sabato contro il Milan dovrà lanciare una segnale chiaro in ottica qualificazione europea.
Il mister viola sceglie un massiccio turnover: rispetto a Cagliari ci sono 5 giocatori nuovi tra cui Babacar e Saponara. Le scelte, però, non pagano anche perché la Lazio vuole rifarsi dopo la beffa del Var in campionato e in più ha Milinkovic-Savic. Il gioiello servo che due anni fa era al Franchi per firmare con la Fiorentina e che sul più bello ci ripensò. Proprio lui diventa l’uomo che scatena i continui contropiede laziali, spesso resi deliziosi dai tocchi felpati di Felipe Anderson.
La Fiorentina si rende pericolosa solo con Chiesa. Troppo poco per pareggiare e restare aggrappati alla coppa. In semifinale va la Lazio, la Fiorentina invece rimanda di un ulteriore anno il sogno di vincere il primo trofeo dell’era Della Valle.

 

Leggi Anche

SERIE A, Vince il Milan e si lancia nella corsa Champions: 2-0 al Frosinone

Succede tutto nel secondo tempo tra Milan e Frosinone nella sfida che vale punti europei …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *