Home / Editoriale / CRESCERE SULLA BUONA STRADA

CRESCERE SULLA BUONA STRADA

Certe volte si tratta di crescere, magari insieme, sugli stessi binari. È un po’ il caso di questa Fiorentina, anzi, queste “Fiorentine”: dai ragazzi ormai maturi sino ai più giovani. Sì perché l’organico di Pioli nella serata di ieri ha affrontato un Napoli in forma, che gioca bene a calcio, niente a che vedere con la squadra del maggio scorso, fatta a pezzi da un risultato altrui, ancor prima della sfida del Franchi. Non è mancata la cattiveria sul campo, così come la voglia di crescere da parte dei singoli. Notevole l’esordio da titolare di Hancko, che per caso o per fortuna si è ritrovato a far parte del reparto difensivo ufficiale insieme a capitan Pezzella, come un bambino che si sente grande per un giorno. Ebbene, lo slovacco ha tutte le carte in regola per diventare una sicurezza di questo gruppo, così come il giovane Lafont, criticato per i rinvii ancora da rivedere, ma elogiato e quasi santificato per la parate da urlo di ieri sera, gesti atletici che ricordano il connazionale Sebastien Frey nel fiore degli anni.

Come è degno di nota il percorso del numero 1 viola, continua a far ben sperare il cammino dei ragazzi di Emiliano Bigica, oggi vittoriosi contro il Torino in un ostile Filadelfia. Ancora una volta i teens viola si aggrappano, o meglio, si affidano alla furia di Dusan Vlahovic, un’incontrastabile macchina da gol sottoporta. La squadra gira a meraviglia, così bene che anche quelli spesso criticati emergono in positivo, contibuendo alla buona riuscita del gioco. Tra questi un ritrovato Maganjic, autore della rete dello 0-2, forse il gol che ha deciso la partita nonostante il colpo della speranza di Moreo. Tutto ciò dimostra quanto questa Fiorentina, in entrambi i settori, continui a piacere e compiacere le aspettative dei tifosi, giocando a calcio con il cuore e gli attributi. L’atteggiamento giusto da applicare se si vogliono conquistare tappe importanti, come la Coppa Italia (sia per la prima squadra, sia per la Primavera), così come l’Europa per Pioli e compagine. Non basta però l’entusiasmo, sarà opportuno trovare ulteriori conferme col passare del tempo, per ridurre al minimo il margine di errore e diventare definitivamente uomini. La Fiorentina di ieri ed oggi sembra essere sulla buona strada.

Leggi Anche

Featured Video Play Icon

VIDEO-VIOLA&MEYER, Salica: “La partita contro la Roma è stata la più entusiasmante”

Dall’ospedale Meyer di Firenze, ecco le parole dei protagonisti viola intervistati dal giovane pubblico presente. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *