Home / Editoriale / Chiesa incontenibile, Hagi cresce. Prima gioia per Eysseric: ecco i Top e Flop di Pistoiese-Fiorentina
slide_chiesamoena

Chiesa incontenibile, Hagi cresce. Prima gioia per Eysseric: ecco i Top e Flop di Pistoiese-Fiorentina

Penultima amichevole prima dell’esordio in campionato per la Fiorentina, che piega la Pistoiese con il punteggio di 3 a 0 e lo fa al termine di una prestazione notevole, durante la quale il risultato non è mai stato in discussione. Decisive le reti dal dischetto di Eysseric (Esordio con gol per lui) e Babacar, con Rebic che cala il tris a pochi minuti dallo scadere. Da segnalare anche l’esordio in maglia gigliata di Marco Benassi, arrivato in città solo oggi ma già in campo a metà ripresa. Interessante anche la scelta di Milenkovic, partito titolare al fianco di Astori, con Vitor Hugo subentrato solo nella ripresa. Adesso appuntamento a domenica tredici quando, sempre alle 20 e 30, la squadra di Pioli affronterà  a Viareggio il Parma, ultimo test prima di iniziare a fare sul serio. Ma andiamo prima a vedere da vicino chi, questa sera, si è distinto più degli altri.

TOP

CHIESA – Precampionato eccellente il suo, con il figlio d’arte che ha iniziato questa stagione ricco di entusiasmo e consapevolezza. Dopo i gol messi a segno nelle amichevoli giocate in Germania, il giovane talento viola non riesce a ripetersi quest’oggi, ma offre un contributo importantissimo per la vittoria dei suoi compagni. Uno dei più vispi fin dai primi minuti, trova un’ottima intesa con Hagi tentando anche qualche conclusione dalla lunga distanza oltre a delle incursioni palla al piede. Si rende protagonista di un gesto di estrema sportività quando, a fine primo tempo, viene atterrato in area dicendo però all’arbitro che non si trattava di un calcio di rigore. Evidente, invece, il fallo di Zaccagno nei suoi confronti ad inizio ripresa. Penalty conquistato e trasformato da Babacar. Sostituito, infine, nella ripresa fra gli applausi generali di un popolo sempre più innamorati di lui

HAGI – I riflettori puntati su di lui, quest’anno, sono più luminosi rispetto alla passata stagione. La gente si aspetta tanto da lui, ma il fantasista romeno non sembra spaventato. Un po’ in difficoltà nelle precedenti amichevoli, Hagi cresce con il passare delle settimane. Alternandosi la posizione con Eysseric, ricopre sia il ruolo di trequartista che quello di esterno alto a destra, dimostrandosi uno dei più pimpanti fin da subito. La sua intesa con Chiesa migliora a vista d’occhio e anche fisicamente regge meglio i contrasti degli avversari, lavorando molto bene fra le linee e permettendo alla squadra di correre e salire. Cerca il gol con una botta dalla distanza, ma Zaccagno è bravo a deviare la minaccia in corner

CRISTOFORO – gara positiva anche per il centrocampista uruguaiano, che viene preferito a Veretout per sostituire l’infortunato Badelj in coppia con Sanchez. Molto dinamico, recupera tanti palloni, lavorando bene sia in fase di interdizione che in quella di costruzione. I suoi lanci creano apprensione alla difesa avversaria e proprio da uno di questo scaturisce il rigore con cui Eysseric sblocca la gara.

EYSSERIC – Nota di merito anche per l’esterno francese, arrivato a Firenze solo ieri e oggi già in campo fin dal 1′. In ottima condizione grazie ai minuti messi nelle gambe nel preliminare di Champions contro l’Ajax, l’ex Nizza gioca un po’ dietro Babacar e un po’ al posto di Hagi in alto a destra. Non molto coinvolto nella manovra, complice un’intesa ancora tutta da costruire, crea scompiglio fra gli avversari con i suoi scatti ed uno contro uno. Trova il primo gol in maglia viola dal dischetto, sbloccando la gara con personalità e freddezza. Nell’intervallo arrivano anche i complimenti di Daniel Bertoni, non propio uno qualunque

REBIC – Entra in campo in modo molto positivo. Prima offre un grande assist a Kalinic, che il croato non riesce a sfruttare. Poi nel finale segna un gran gol, calando il tris con una fantastica girata su cross dalla sinistra di Ranieri. Una mezz’ora di fuoco si abbatte sulla povera Pistoiese.

FLOP – 

MAXI OLIVERA – E’ lui, probabilmente, l’unica nota dolente della serata. Troppo timido in fase di spinta, sulla sinistra la Fiorentina spinge molto di più solo con l’ingresso in campo di Ranieri nella ripresa. In quella zona di campo continua ad essere lui l’unica soluzione, ma il bisogno di rinforzi è evidente

 

 

Leggi Anche

slide_mastella_01

Mastella, quando DDV lo aiutò nel caso di Mani Pulite

Come scrive questa mattina Il Corriere Fiorentino, la disponibilità da parte di Diego Della Valle …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *