Home / blu / 72…numeri da ex per Atalanta-Fiorentina

72…numeri da ex per Atalanta-Fiorentina

Fiorentina direzione Bergamo per la 25esima giornata di Serie A. Passi che procedono spediti nella speranza di allontanare, il prima possibile, il pensiero ricorrente dettato dalla fastidiosa ed immeritata sconfitta del “Franchi” contro i nemici di sempre. Quella che in sostanza si racconta come la partita dei “se” e dei “ma”, tuttavia segna una ricaduta, dopo la momentanea ripresa di Bologna, ed evidenzia un -9 punti in classifica rispetto allo scorso campionato. Viola ilicic_palermodunque in cerca di riscatto e di rivincite in quella che, forse, si presenta come una delle partite più insidiose che può riservare questa stagione. L’Atalanta di quest’anno sembra infatti aver definitivamente assunto i caratteri di squadra di livello europeo: forte, dinamica, compatta e sempre diretta all’obiettivo. I nerazzurri sono reduci da tre risultati utili consecutivi (pareggio
con il Crotone, vittoria casalinga contro il Chievo e contro il Sassuolo in trasferta), prima di questi il momentaneo stop di Napoli anticipato però dalla vittoria di Roma contro i giallorossi. In totale 10 successi (2 dei quali contro Milan e Roma appunto), 7 pareggi (uno proprio contro i Viola all’andata, altri due conilicic_paleromo_def Juventus e Lazio), 7 sconfitte ed una media di 1,5 reti a partita. Per non parlare dell’Europa League dove l’Atalanta si è qualificata prima nel girone E scavalcando il Lione ed eliminando l’Everton. Insomma la Dea è tornata sull’altare, e con soli 4 punti di distanza dalla zona europa resta ancora tutto aperto, tanto che gli uomini di Gasperini sembrano proprio non voler mollare un centimetro perilicic_fiorentina riconfermarsi con splendore anche nella prossima stagione

La testa adesso sta tutta al campionato (ovviamente dopo la partita di stasera) perché prima della

sfida di ritorno giovedì prossimo contro il Borussia Dortmund (valida per i sedicesimi di Europa League) il calendario dice Fiorentina. E allora che Fiorentina sarà? La stessa vista venerdì scorso, grintosa, corta e padrona del campo oppure un’altra parentesi da dimenticare? Per gli uomini di Gasperini certo non sarà facile compensare dispendio fisico e mentale tra le due gare che fanno da parentesi al campionato, dolci ricordi recenti lo insegnano. Pioli ed i suoi
potranno quindi sfruttare questo possibile gap psico-fisico e trasformarlo in un’arma a proprio vantaggio.ilicic_fiorentina_def

ilicic_atalantaTuttavia oltre alle possibili soluzioni persistono i problemi,
e tra questi si elenca senza dubbio un grande ex della sfida, Josip Ilicic. Lo sloveno nato a Prijedor il 29 gennaio 1988 ha vestito per quattro stagioni la maglia Viola collezionando 106 presenze e 29 reti in campionato. Una storia di alti e ilicic_atalanta_defbassi accompagnata dall’assenza di quell’amore che con la piazza gigliata non è mai sbocciato, causa le tante vicissitudini ed il rendimento del trequartista (in un ricordo: il rigore in movimento sbagliato nella finale di Coppa Italia contro il Napoli). Insomma tanti piccoli tasselli dal sapore agro-dolce che hanno portato ad un addio consensuale. Nonostante ciò Ilicic sembra aver ritrovato a Bergamo la seconda giovinezza, assumendo un ruolo di primo piano tra gli undici di Gasperini, un valore aggiunto capace di apportare finora 7 reti e 6 assist in 23 presenze, con una media di un gol ogni 226 minuti (per il momento la sua terza miglior stagione in Serie A per media realizzativa).
Lo sloveno dal sinistro letale, al pari della sua squadra, sembra proprio non volersi fermare, chissà allora che non abbia messo di mira l’ottava rete stagionale proprio alla sua ex compagine (l’ultima marcatura in campionato al Milan il 23 dicembre). Altro ex della sfida sarà Marco Sportiello, portiere classe ’92 in prestito proprio dall’Atalanta. Differenza tra le due squadre che si racconta anche negli stessi numeri degli ex di turno: da una parte un Ilicic rispolverato, dall’altra il portiere Viola che sta attraversando un momento difficile, reduce da una stagione piena di incertezze ed altrettanti dubbi sulla sua permanenza a Firenze (soprattutto considerando il valore del cartellino, per il cui riscatto ci vorranno circa 6 milioni di euro). Insomma, tra giocatori che vanno e vengono, la cosa certa è che Pioli e la Fiorentina dovranno stare attenti, domenica alle ore 18.00 allo “Stadio Fratelli d’Italia” le consuete sorprese dell’ex di troppo potrebbero non tardare a mancare.

stat_squadre_ilicic

 

 

Leggi Anche

Featured Video Play Icon

VIOLA TWEET, Secondo appuntamento della giornata in collaborazione con Radio Firenze

In collaborazione con Radio Firenze tutti i giorni l’appuntamento quotidiano con la nostra redazione, Rassegna …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *